giovedì 28 marzo 2013

Costanza Mansueti fotografa la Milstein Hall - Cornell University


Costanza Mansueti è una bravissima fotografa toscana già comparsa su 4rum.it con la sua serie 'La strada'. In questo caso ci 'regala' dodici preziosi scatti recentemente realizzati presso la Milstein Hall della Cornell University di Ithaca, spazio di assoluto rilievo in ambito architettonico progettato da Rem Koolhaas e OMA.
Un ringraziamento a Costanza e buona visione a voi.

Ti piace questo servizio? Aiutaci a promuoverlo attraverso il pulsante di Facebook che trovi sopra!














18 commenti:

HaranBanjo ha detto...

...meravigliose linee esaltate da calde sfumature di grigio...

Lino Milita ha detto...

Costanza è la fotografa dell'ascolto che apre l'obiettivo agli spazi, ai luoghi comuni del nostro vivere, dove nelle sue riprese non costituiscono un semplice apparire.

No. Questi luoghi parlano. Sono spazi antropici dove la figura umana sembra sia assente. Più che altro è discretamente nello sfondo e il vivente, il fotografo, nello scatto invita il mondo che ci circonda a parlare di sé e di noi. E delle tracce che noi lasciamo nei volumi del pianeta, tra luce e ombra. Sì, qui abbiamo la fotografa dell'ascolto.

marco simone Galleni ha detto...

Sono sempre stato affascinato dall'architettura!! soprattutto se tradotte dallo scatto di un fotografo esperto e capace, come
Costanza Mansueti, che riesce ad accompagnarmi nei suoi scatti fotografici. Rappresentando le sue foto con delle prospettive molto pulite, in un b&w molto elegante,
mostrano una traccia della presenza di persone che hanno preceduto lo scatto.

Ernesto Bull ha detto...

Emozionante entrare in queste architetture dal tuo punto di vista. Grazie.

Enrico ha detto...

E' l'ennesimo grande lavoro di Costanza. Stupende foto di architettura, progetti ricercatissimi, che bello!

Matteo Toscano ha detto...

L'aspetto che più mi colpisce delle Opere di Costanza Mansueti è la profondità e l'analisi cristallina e mai banale che sta dietro l'Occhio che ritrae,la Costruzione della Realtà che sta interagendo con l'Anima dell'Artista. E qui in questi 12 veramenti interessanti scatti, il Dialogo è interno e spazio aperto in sincrono, dove tra silenzi, spazi umani che nelle tracce discrete di una presenza umana che poteva essere li' nel turno di giorno, così come secoli fa, si coglie nel tratteggio delle luci, un sottilissimo lamento, alla ricerca dell'Umanità, in mezzo ad angolazioni Lunari, perchè in queste Opere c'e' una grandissima e bella Umanità, Bellezza che irradia e compie il proprio significato.

Angela ha detto...

Reputami soltanto un'amica impertinente. Come sai mi intendo poco di foto..io scelgo di "pancia" quello che mi piace da quello che mi è indifferente. Però le tue foto non mi sono mai indifferenti; forse qualcuna non mi è piaciuta, ma qualcosa pur sempre ho sentito... altre mi entusiasmano, altre ancora mi incantano. Che dire...??!! traspare una bellezza disarmante. Complimenti Costanza anche per questi capolavori. Angela

Anonimo ha detto...

白黒写真でこれだけ色んな質感を表現できるのが素晴らしい。
she can express various texture by black and white photos, this is wonderful.

Antonella Maraviglia ha detto...

Colpisce l'accurata ricerca delle architetture che si sposano perfettamente con il bianco e nero e con le più variegate sfumature del grigio Colpisce la ricerca della luce ad illuminare ogni scatto, a mettere in risalto i giochi creati dalle linee delle strutture o dal biancore della neve. Si percepisce nettamente la narrazione all'interno di ogni singolo scatto e l'amore e la passione che fanno di Costanza Mansueti una vera Artista.

Olivier Ikeda ha detto...

Very fine work. The photographer has a true sense of perspective, and manages to have the beholder get lost in imaginary places out of the architecture. Bravo!

Anonimo ha detto...

A me piace molto il commento di Trapattonio. Dove hai imparato ad esprimerti con cotanta profondità?

serena ha detto...

These pictures make me want to go there and enjoy the silence! Is it Ithaca, NY?! I 'll go there, definitely!

Gianni Menna ha detto...

La bellezza di una fotografia è essenzialmente una questione soggettiva. Il fascino che uno scatto riesce a trasmettere cambia da osservatore a osservatore e non può esistere un parametro assoluto che determini quanto una foto sia bella. Questa donna "costanza" riesce sempre con i suoi scatti a trasmetterti una grande emozione. Credo che dire solo brava non basti.

Siro Tolomei ha detto...

Costanza Mansueti = dietro all'obiettivo, un occhio davvero eccezionale! Complimenti, si leggono emozioni, superfici e linee...
proprio quello che dovrebbe trasmettere l'Architettura, che tu racconti in un modo cosi, delicato e fremente!! Si, davvero interessanti
queste Immagini! ...non dico nulla sul contrasto, Ottimo! se mi posso permettere: volevo sottolineare, in particolare,
la sensibilità di tre Scatti!
IL SECONDO: ...i percorsi nella soffice neve, segnano il passaggio e la presenza dell'uomo, per un ambiente reale ed irreale allo stesso tempo; le luci e le ombre che descrivono lo spazio... la neve avvolge/ricopre, Morbida, contrapposta alla Forza Geometrica delle sedute, che vivono da protagoniste la scena!!!
LA DECINA: Guarda oltre! Dentro, ma contemporaneamente fuori... il sovrapporsi delle diverse maglie intrecciate; regolari all'interno, il radiatore, la griglia antistante, la tessitura sovrastante, come la stessa trama modulare delle finestrature; irregolari all'esterno, nell'inconsueta precisione della natura, descritta dall'intrecciarsi dei rami.
L'UNDICESIMA: quattro superfici, matericamente diverse... quattro piani e quattro direzioni... grande profondità di campo, ma soprattutto la Delicatezza, della fuga nelle piastrelle al primo livello, che prosegue e si completa con la fuga del livello sottostante...

Paul Alves ha detto...

Another great series of architectural photography by Costanza. Here she not only captures the architects original creations, the lines, the shapes and space, the materials and textures, but also how they react with the human eye and the environment. With careful graphic compositions, crops and lens choices that resemble the field of view of the human eye, she shows us details as if we were part of the scenes. Great work and would love to see it person.

Anonimo ha detto...

Belle foto

Claudia Nardini ha detto...

Luce, forme, linee che creano l'arte dell'architettura... poi arriva Costanza che con naturalezza fa quello che più le riesce meglio: dare energia. Dà forza, incisività ed espressività all'architettura. Dà vita... creando una nuova arte trasmessa attraverso il suo occhio limpido e cristallino.

ottavia ha detto...

Una serie davvero interessante, che mi fa scoprire un luogo che non conoscevo dalle linee sinuose ed imponenti al tempo stesso, bravissima Costanza!