venerdì 30 novembre 2012

Verdi ancora protagonista a Pisa


La Stagione Lirica del Teatro di Pisa prosegue nei suoi omaggi al bicentenario verdiano. Dopo La Traviata di poche settimane fa, infatti, è ora la volta di Nabucco, terza opera di Giuseppe Verdi, quella che, acclamata fin dal debutto alla Scala il 9 marzo 1842, decretò il successo internazionale del compositore, all’epoca non ancora trentenne.

A Pisa Nabucco viene messo in scena in una produzione del Teatro di Pisa realizzata in collaborazione con la Ramfis Production, regia di Antoine Selva, direttore Gianluca Martinenghi, Maestro ‘di casa’ nei più grandi teatri sia italiani. Saranno proprio Antoine Selva e Gianluca Martinenghi a parlare di Nabucco nel quarto incontro-aperitivo di “Opera e Dintorni”: sabato mattina (1° dicembre ore 11), nel Foyer del Teatro. Coordina l’incontro il direttore artistico Marcello Lippi.

Nabucco è in programma al Teatro Verdi martedì 4 e giovedì 6 dicembre (entrambe le recite iniziano alle ore 20.30). Spiccano nel cast alcune star della lirica, a partire dalle due primedonne che si alterneranno nel ruolo di Abigaille, una fra le parti più impervie che Verdi abbia mai scritto: il soprano greco Dimitra Theodossiou martedì sera e il soprano ungherese Csilla Boross giovedì sera, entrambe stimate a livello internazionale fra i più grandi soprani drammatici. Nel ruolo di Nabucco canta il baritono Giovanni Meoni, altro interprete d’eccellenza della tradizione operistica italiana. Nel ruolo di Zaccaria l’ottimo basso Elia Todisco, figlio d’arte (il padre è il tenore Nunzio Todisco, che il pubblico pisano ricorderà in particolare come protagonista della memorabile edizione de I Masnadieri che segno l’esordiò di  Gabriele Lavia nella regia lirica). Nel ruolo d’Ismaele, il giovane tenore Stefano La Colla, protagonista di punta in questa stagione pisana, visti i personali successi già riportati come Calaf in Turandot e come Alfredo nella Traviata. Nel ruolo di Fenena il mezzosoprano Sandra Buongrazio. Il basso Emanuele Cordaro è il Gran Sacerdote di Belo, il tenore Enrico Bindocci è Abdallo, il soprano Serena Pasquini è Anna.
L’Orchestra è l’Orchestra Arché, la giovane compagine che ha debuttato proprio al Teatro di Pisa lo scorso anno, con un notevole riscontro di pubblico e di critica. Coro della Toscana, con la collaborazione della Società Corale Pisana. Maestro del Coro Marco Bargagna.


Pochi i biglietti rimasti disponibili per entrambe le serate. 
Per informazioni Teatro di Pisa tel 050 941111 e www.teatrodipisa.pi.it

0 commenti: