martedì 9 ottobre 2012

Fotografia & Cinema nel “sistema-Ragghianti”

ALLA FONDAZIONE RAGGHIANTI  IL SECONDO APPUNTAMENTO DELLA RASSEGNA 


Giovedì 11 ottobre l’incontro dedicato a Charlie Chaplin


Dopo la conferenza dedicata alla fotografia dei fratelli Bragaglia e Cartier-Bresson la Fondazione Ragghianti prosegue gli incontri dedicati al rapporto tra arte, fotografia e cinema.  
Giovedì 11 ottobre Cecilia Cenciarelli, Responsabile dell'Archivio Chaplin della Fondazione Cineteca di Bologna introdurrà l’incontro, dal titolo Chaplin, l'artista si chiama Charlot,  tracciando anche attraverso la proiezione di alcuni filmati un profilo storico-biografico dell’artista e approfondendo il suo ruolo nella storia del cinema. 
Nella seconda parte della conferenza Stefano Bulgarelli analizzerà le appassionate considerazioni critiche di Ragghianti su Charlie Chaplin e sui suoi intramontabili capolavori cinematografici quali Luci della città e La febbre dell’oro. Approfondirà inoltre le riflessioni che il critico lucchese elaborò nel saggio Cinematografo rigoroso del 1932 quando, appena ventiduenne e già attivo nella cospirazione antifascista, analizzò la poetica di Chaplin sul “ sogno sollecitato di lotta, di protezione, di libertà”, in cui affiorano suggestioni che Bulgarelli ritiene chiaramente autobiografiche. 

La Cineteca di Bologna è impegnata da diversi anni a ricostruire l'intera opera di Charlie Chaplin, sia attraverso la digitalizzazione e catalogazione dell'archivio cartaceo del cineasta, che impegnandosi nel restauro della sua opera cinematografica. Voluto dagli eredi del regista, il Progetto Chaplin ha come missione primaria la salvaguardia del patrimonio cartaceo lasciato in eredità dal cineasta ma anche quella di incoraggiare e alimentare un lavoro di ricerca e riscoperta permanente del grande attore e regista del cinema muto, creando le premesse per uno confronto continuo tra studenti, ricercatori e cinefili.

L’ ultimo incontro della rassegna, in programma giovedì 18 ottobre, sarà dedicato al regista e teorico russo Ejzenstejn dal titolo Quando Ragghianti incontrò S.M. Ejzenštejn e sarà tenuto da Stefano Bulgarelli e Alessia Cervini, Docente di Estetica del Cinema presso l'Università di Messina. 
Gli incontri, la cui partecipazione è gratuita e aperta al pubblico, si svolgono alle ore 17.00 presso la sala conferenze del Complesso Monumentale di San Micheletto a Lucca. (Per informazioni: 0583/467205 info@fondazioneragghianti.it )

Con questa rassegna di incontri la Fondazione Centro studi sull’Arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti, da sempre attiva nella promozione di attività tese ad avvicinare bambini, giovani e adulti all’arte contemporanea, aderisce all’iniziativa “In biblioteca, perché c’è il futuro della tua storia. Ottobre 2012”, promossa dalla Direzione generale per i Beni librari del MIBAC e dalla Regione Toscana.

0 commenti: