giovedì 26 luglio 2012

Moni Ovadia in scena alla Versiliana


Venerdì 27 luglio alle 21.30 al Teatro la Versiliana sarà di scena la musica dei popoli nomadi dell'Europa e le influenze sulla musica colta. Dedito costantemente al recupero e alla rielaborazione del patrimonio artistico, letterario, religioso e musicale degli ebrei dell'Europa orientale Moni Ovadia, attore teatrale, drammaturgo, scrittore, compositore e cantante italiano impegnato per i diritti della pace e dell’uguaglianza, presenta  Noi/Altri

Uno spettacolo che mette in evidenza le influenze delle tradizioni musicali di popoli che hanno attraversato nei secoli l’Europa venendo in contatto con culture diverse, e che sottolinea quanto queste ultime siano più o meno consapevolmente debitrici di un patrimonio espressivo ed artistico divenuto ormai comune e condiviso. E’ un recital di canzoni e di musiche che mette insieme un ensemble di musica rom e tradizionale ebraica con un ensemble di musica classica – spiega Ovadia – E’ un modo per raccontare che, anche musicalmente, ciò che siamo noi europei lo dobbiamo a contributi molteplici.






NOI / ALTRI

La musica dei popoli nomadi dell' Europa - Influenze sulla musica colta
Spettacolo di MONI OVADIA, PAOLO ROCCA e MARIO ANCILLOTTI

con Moni Ovadia attore, cantante, regista
Ensemble Nuovo Contrappunto - Complesso "Rom e Gagè"
Mario Ancillotti direttore
Musiche di J. Brahms, B. Bartok, G. Enescu, S.Prokofiev, D. Shostakovich.
Musiche popolari e Kleztmer

Programma:
Brahms: Danza ungherese per violino e cymb, poi pianoforte a 4 mani
Brahms: Rondò alla zingarese per archi e pianoforte (dall’op. 25)
Soro Lume: Canto tradizionale rumeno
Bartòk; Danze Rumene
Suite di danze popolari rumene
Ciocarlia: da Enescu
Enescu: Sonata per violino e pianoforte 1° movimento
Ioane ioane Canto popolare
Bartòk:da “Contrasti” – n. 3 Sebes
El Mohle Rakhamin: Canto ebraico
Shostakovich: 3 Canti ebraici
Mickey Katz Klezmer
Prokofiev: Ouverture su temi ebraici
Dragoste: Canto popolar



Fondazione La Versiliana tel. 0584 265777; 349 4445332; 349 8613496
ufficio.stampa@laversilianafestival.it



0 commenti: