venerdì 16 settembre 2011

Alessio Pizzech - Regista


Nato a Livorno nel 1972, compie gli studi classici e musicali presso l’Istituto Niccolini - Guerrazzi nella sua città dove frequenta la scuola di dizione e recitazione “Laura Ferretti“. Frequenta l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica di Roma e la Scuola Europea per l’Arte dell’attore dove studia con Marisa Fabbri, Domenico Polidoro e Marco Sciaccaluga. Importanti incontri con Jaques Forniere, Michel Azama e Jean Claude Carriere, Dario Marconcini e Paolo Billi. Di particolare rilevanza l’attività didattica rivolta alle scuole attuata dal ’93 in Italia e all’estero. Incontra e collabora dal ’97 con Marion d’Amburgo e Federico Tiezzi. É stato assistente e regista collaboratore per alcuni registi italiani e stranieri: Pier’Alli, Micha Van Hoecke, Ugo Gregoretti, Michele Mirabella e Giorgio Pressburgher. È Stato docente di Arte Scenica al Conservatorio Giordano di Foggia e presso i il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto. Dal 1991 si dedica alla regia in prosa: tra i suoi numerosi lavori si ricordano La Parrucca di Natalia Ginzburg, Lezioni d’Amore di Dacia Maraini, Kreisleriana di E.T. Hoffmann, Le Serve di J. Genet, Fiori d’Acciaio di Robert Harling, Dialoghi delle Carmelitane di G. Bernanos, Il Bell’Indifferente, La Famiglia Mastinu di Alberto Savinio, Zoo di Notte di M. Azama Savannah, Bay e Hiroshima Mon Amour di Margherite Duras, Caligola di A. Camus e Le Sang du Poète da J. Cocteau, Puer Aeternus da A. Savinio, Lotta fra Negro e Cani di B. M. Koltès, Yerma di F. C. Lorca, Nozze di Sangue di F.C. Lorca, La Morsa e Sogno ma Forse No di L. Pirandello, Parole di Sale da Giorgio Caproni, Barber’s Shop di Alberto Severi, Processo Ebbro di B.M. Koltès, La Nuit de Valognes di E. E. Schimdt, Mele e negri di Tommaso Santi, Illuminazioni da H.Muller, L’eredità di B.M Koltès, e nel 2010 Coco di B. M. Koltès, Per non morire di mafia di P. Grasso e Dovresti tornare più spesso di P. Myniana. Oltre a numerose regie nella prosa, dal 1997 si dedica alla regia lirica; in questo settore tra i suoi lavori Faust di C. Gounod e Carmen di G. Bizet presso il Teatro Nazionale Sloveno di Maribor, Marcella di U. Giordano e Amica di P. Mascagni per il Festival della Valle D' Itria, La Dirindina va a Teatro per il Teatro Lirico di Spoleto, Elisir d’Amore di G. Donizetti per il Bergamo Musica Festival, Pagine d’Amore, Zanetto di P. Mascagni e Aufstieg und Fall der Stadt Mahagonny di Weill per la Fondazione Goldoni di Livorno, Histoire du soldat di I. Stravinskij e Brundibar di H. Krasa per il Bergamo Musica Festival, Cenerentola di G. Rossini per il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto, Re Pastore di N. Piccinni per il Festival della Valle d’Itria. Ha collaborato prima con il Festival di Castiglioncello e poi con Inequilibrio Festival – Armunia, Fondazione Pontedera Teatro, con l’Associazione Teatro di Buti, la Città del Teatro – Stabile d’Innovazione, il Teatro Metastasio di Prato – Stabile della Toscana, Il Festival di Ventotene, con il Teatroinscatola di Roma, il Cut di Venezia, la Fondazione Paolo Grassi di Martina Franca e di Milano, il Festival dei Due mondi di Spoleto, il Festival Il Garofano Verde.

0 commenti: