sabato 19 marzo 2011

Al Giglio di Lucca 'Dona Flor e i suoi due mariti'


PROSA. Dona Flor e i suoi due mariti, tratto dal romanzo di Jorge Amado, porta al Teatro del Giglio le atmosfere seducenti e visionarie di Bahia, con Caterina Murino nel ruolo della protagonista Dona Flor. Recite venerdì 18 e sabato 19 marzo ore 21, domenica 20 marzo ore 16.30.
Lo spettacolo Dona Flor e i suoi due mariti, che Emanuela Giordano ha fedelmente tratto dal capolavoro di Jorge Amado, sprigiona incandescente ilarità e poesia visionaria, tratti distintivi delle pagine dello scrittore brasiliano. Caterina Murino - la bellissima Bond Girl di Casinò Royale (2006) – accompagna il pubblico per i vicoli del Pelourinho, il quartiere popolare di Bahia dove la vita si consuma tra la gente, una città di mare solare e segreta ad un tempo, dove le strade sono ancora teatro della vita: morti, matrimoni, amori e tradimenti riguardano tutti, con una morbosa, affettuosa, indecente partecipazione. Le melodie (eseguite dal vivo) della Bubbez Orchestra sposano, in stretta simbiosi con gli attori, le seduzioni e il divertimento provocati dal racconto. Il resto è lasciato alla suggestione del pubblico, alla magia di un momento, alla meravigliosa mutevolezza di un’emozione.

Dona Flor (Caterina Murino) ha da poco perso il suo primo marito, lo scapestrato, mascalzone, giocatore e sciupafemminie Valdinho (Max Malatesta), e porta avanti, da donna mite e morigerata qual’è, la sua scuola di cucina, aiutata dalle fedeli amiche Gisa, Norma e Nora che la invitano a non lasciarsi sopraffare dal dolore e a ricominciare a vivere davvero. E così, dopo un anno di sofferta vedovanza, Flor si risposa con Teodoro (Paolo Calabresi), un affettuoso, devoto e morigerato farmacista. Grande maestra di cucina, Dona Flor scopre che il suo appetito d’amore non si può saziare con un solo uomo, e che per ottenere un idillio perfetto occorre mettere insieme il meglio di entrambi i suoi mariti: l’onestà e le premure di Teodoro da una parte, la fantasia e l’erotismo di Valdinho dall’altra. Lo spiritello vivace del primo amore si intrufolerà nel letto del secondo, legittimo marito, regalando così a Dona Flor l’illusione di una pienezza di sentimenti altrimenti irraggiungibile.

Regia e drammaturgia di Emanuela Giordano.
Con Paolo Calabresi, Max Malatesta, e con Simonetta Cartia, Claudia Gusmano, Serena Mattace Rase e Laura Rovetti.
Musiche originali eseguite dal vivo dalla Bubbez Orchestra (Massimo De Lorenzi, Ermanno Dodaro, Giovanna Famulari).

Info: www.teatrodelgiglio.it

Biglietti da 10 a 30 euro.
Prenotazioni: Biglietteria Teatro del Giglio (tel. 0583 465320, e.mail: biglietteria@teatrodelgiglio.it).

0 commenti: