sabato 4 settembre 2010

La Pecora Nera - Ascanio Celestini

Condividi
Autore: Andrea Livraghi
Redattore di paperstreet.it
Un film da ascoltare. Così Ascanio Celestini definisce la Pecora Nera, il lavoro (di cui è regista, sceneggiatore e attore) presentato ieri al Lido e primo film italiano in concorso. Non un film sui manicomi, che si vedono e basta, ma sulla pazzia, che invece si vede e si sente. La si ascolta, e a volte infastidisce.
Celestini racconta il disagio attraverso il monologo, con le filastrocche e con le barzellette. "Ciò che costruisco poi lo disfo", "Se si mettono le cose in ordine poi si ritrova tutto". Prima (gli anni 60, "i favolosi anni 60") e dopo. Dentro (il manicomio) o fuori. Porte scorrevoli e cancelli di metallo chiusi a chiave. I supermercati e i manicomi imprigionano la ragione e la follia, rendendo impossibile ogni tipo di comunicazione. In mezzo ai due mondi c'è solo l'amore, quello sussurrato a Dio dalle suore che piangono davanti all'immagine del Santo Padre in televisione e quello urlato nel parcheggio di un supermercato da Nicola alla sua amata.
Il film strappa diversi minuti di applausi e anche qualche risata. Quel tipo di risata di cui ci si vergogna subito, come quando si ride di un matto che ha appena detto una cazzata.

0 commenti: