domenica 11 ottobre 2009

DA REMBRANDT A GAUGUIN A PICASSO


L’incanto della pittura Capolavori dal Museum of Fine Arts di Boston

Rimini, Castel Sismondo
Dal 10 ottobre 2009 al 14 marzo 2010


utore: Maria Cristina Nascosi

“Questa mostra, in queste stanze, è costruita come un sogno. Come un’avventura dello spirito e dell’emozione, del desiderio e della passione. È costruita per essere percorsa passo dopo passo, lentamente guardando. Un quadro per volta, uno dopo l’altro, nella propria solitudine ed essenza, nel manifestarsi loro come qualcosa di unico e irripetibile…” (da Stanze della pittura, introduzione alla mostra di Marco Goldin).

Un appuntamento imperdibile, perché non altra volta riproducibile.
E’ proprio vero quanto asserito in introduzione dal geniale Marco Goldin, curatore della mostra di Rimini, comprendente sessantacinque capolavori della pittura europea dal Cinquecento al Novecento provenienti da uno tra i maggiori musei del mondo, il Museum of Fine Arts di Boston.

Occasione che mai più si verificherà, dal momento che l’Istituzione americana ha in atto una parziale chiusura delle sale che porterà, nell’autunno 2010, all’inaugurazione della nuova, immensa ala progettata da Norman Foster. Tale iniziativa condurrà poi, come sempre accade in questi casi, ad un successivo blocco dei prestiti. Pertanto Rimini è il luogo che, non solo in Italia ma in Europa, rappresenterà nei prossimi mesi Boston e il suo straordinario Museo.
La Mostra vuole essere una grande lezione di storia dell’arte raccontata a tutti.
Singolarmente vicine infatti le dichiarazioni del direttore del Museo americano, Malcolm Rogers e del direttore di Linea d’ombra, nonché curatore di questa mostra, Marco Goldin: l’arte è per tutti, nella comune convinzione che questi capolavori possano essere amati anche da coloro che, magari, non hanno compiuto studi specifici.
Sei le sezioni della grande Esposizione: Il sentimento religioso, La nobiltà del ritratto, L’intimità del ritratto, Nature morte, Interni ed Il nuovo paesaggio.
Da non perdere, dunque, assolutamente.

0 commenti: