domenica 16 agosto 2009

Sylvester Stallone

Attribuito a Stallone lo “Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker Award”

Autore: Maria Cristina Nascosi


A Sylvester Stallone, già presente alla Mostra del Cinema di Venezia in due occasioni, nel 1999 come protagonista di Cop Land di James Mangold, e nel 2003, come interprete di Spy Kids 3-D: Game Over di Robert Rodriguez, verrà attribuito, in veste di regista, sceneggiatore e attore lo “Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker Award”, il premio recentemente istituito dalla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia ed organizzato dalla Mostra in collaborazione con Jaeger-LeCoultre, dedicato a una personalità che ha lasciato un segno nel cinema contemporaneo.
In precedenza il premio è stato assegnato a Takeshi Kitano, Agnès Varda e Abbas Kiarostami.
“Essere premiato alla Mostra di Venezia – ha dichiarato Sylvester Stallone – è qualcosa che ho sempre sperato diventasse realtà e ora che è accaduto, devo dire che è valsa la pena aspettare”.
Il premio intende celebrare la dimensione di cineasta di Sylvester Stallone, autore di un cinema già visibilmente originalissimo e carico di tenerezza (anche quando trasuda violenza), a partire dall’incredibile gara notturna sui tetti che fa da sfondo ai credits d'apertura del suo primo film da sceneggiatore/regista, Paradise Alley. Attraverso le ormai mitiche interpretazioni di Rocky e Rambo (suoi tutti i copioni) in cui era doppiato dal nostro ineguagliabile Claudio Amendola - film sempre straordinariamente in sync con il loro presente - Stallone ha esplorato le zone più solari e quelle più cupe del Sogno Americano.
Con Rocky, da lui stesso sceneggiato, ottenne l’Oscar nel 1976 come miglior film.
E il lavoro da lui fatto sul "suo" personaggio - rintracciabile anche in film apparentemente "secondari" o non diretti da lui - rimane uno dei piu' coerenti e lucidi del contemporaneo cinema U.S.A.
La consegna del Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker Award avrà luogo il 12 settembre nella Sala Grande del Palazzo del Cinema al Lido, nel corso della cerimonia di chiusura della 66a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (2-12 settembre 2009), diretta da Marco Müller e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta.
In occasione della consegna del premio, saranno proiettate in prima mondiale alcune sequenze del nuovo film scritto, diretto e interpretato da Sylvester Stallone, The Expendables, con Jason Statham, Jet Li, Dolph Lundgren e Mickey Rourke.
“The Expendables – afferma Stallone – è una storia sull’eroismo e sul prezzo che la gente paga per salvare gli altri. E’ un grande intreccio di azione e insieme di commedia”.
Un’ulteriore ‘chicca’ sempre riferita a Stallone è prevista nel corso della stessa serata: in Sala Volpi alle ore 23.00 – grazie anche al sostegno di Jaeger-LeCoultre – sarà proiettato il film RAMBO - Director's Cut di Sylvester Stallone, per il quale il regista spiega:
“Sono molto felice, perché vorrei che il director’s cut fosse l’edizione definitiva. Il problema nel distribuire un film è, che quando lo rivedi un anno dopo o più tardi, ti accorgi delle possibilità sprecate, perché la prima volta non hai fatto attenzione a causa della fretta nel lavoro. Il nuovo montaggio nasce da una maggiore passione nel seguire la fisicità del film”.

0 commenti: