sabato 2 settembre 2006

The Queen - La Regina

Un film di: Stephen Frears.
Con: Helen Mirren, Michael Sheen, James Cromwell, Sylvia Syms.
Genere: Biografico
Produzione: Gran Bretagna 2006.
Data di uscita: Venezia 2006

Il film racconta il rapporto tra la Regina Elisabetta II e il Primo Ministro Tony Blair, nelle due settimane successive alla morte della principessa Diana, nel tentativo di trovare un compromesso tra quella che era una tragedia familiare privata e il cordoglio pubblico.

Il film è basato su fatti realmente accaduti, registrati dalle numerose interviste fatte a decine di persone che ruotano intorno alla famiglia reale ed il governo di Tony Bleir.
Il regista (e lo sceneggiatore) si muove con forza cercando di analizzare il rapporto della Regina in particolare, ma anche degli altri membri della famiglia, nei confronti dei media, del primo ministro appena eletto e del popolo del Regno Unito. Tra la Monarca e i suoi sudditi c’è un muro invisibile, diviso tra passato e presente, che nello svolgersi del film si sgretola a causa della morte di Diana, provocando nella protagonista un senso di paura e consapevolezza di un cambiamento imminente.
La descrizione dei riti, gli inchini, le tradizioni reali mostrano il distacco della famiglia dalla società che guarda il proprio paese senza comprenderne i desideri e volontà. In tutto questo, il personaggio di Bleir, catapultato in una realtà, quella del rapporto fragile tra monarchia e repubblica, che lo porta da una parte a cercare di mediare il malumore sociale che si scaglia contro la corona, e dall’altra si instaura un rapporto quasi Freudiano-materno con la Regina. Il Primo Ministro finirà per approvare e comprendere i valori che “obbligano” Queen Elisabeth, a respingere un contatto con la morte di una Principessa “radiata dall’albo”, ma che i cittadini amano.
Alla fine la Regina si piega, e partecipa al cordoglio, ma in un colloquio con Bleir preannuncia l’arrivo di una situazione analoga alla sua nei confronti dello stesso; non è difficile immaginarsi a cosa si riferisca il regista visto l’insuccesso popolare che poco tempo dopo i fatti, avrebbe colpito il governo inglese.

0 commenti: