martedì 14 marzo 2006

Metternich T.V.U.M.D.B.

Autore: Pietro Ortolani

Forse non lo sapete, ma la soluzione a tutti i vostri dubbi è vicina: è a portata di mano, ce l’avete proprio in tasca, ed è alimentata con una batteria al litio. Mi spiego meglio: qualche tempo fa, senza alcuna ragione apparente, il mio storico telefono cellulare del 1998 ha deciso di abbandonarmi. Si è spento e non si accende più. Così, sono andato al negozio e ne ho comprato uno nuovo. Appena ho iniziato ad usare il nuovo apparecchio, però, mi sono reso conto che il suddetto è dotato di una funzione fantascientifica, chiamata “Dizionario T9”. In pratica, è un meccanismo con cui il telefono completa le parole degli sms, prima che tu abbia finito di scriverle. Sul momento ho pensato: “Bello, utile, che acquisto saggio!”. Ma solo dopo ho capito che quel T9 avrebbe cambiato la mia concezione del mondo.
Ecco il punto. A volte, tutti ci facciamo domande come: “E’ più potente Blair o Bush?”, oppure: “Sono più bravi i Beatles o i Rolling stones?”. La risposta sta tutta nel T9: basta provare a scrivere il nome in questione e vedere se il cellulare lo conosce. Se il nome non è incluso nella memoria del telefono, non è nulla che valga la pena di studiare. Se prendiamo la Storia, alcuni pezzi da novanta se la passano alquanto male: Talleyrand, ad esempio, è pateticamente trasfigurato in “valleysbo”, e il buon vecchio Klemens Wenzel Lothar Von Metternich diventa un patetico “mettermic”. Sorpasso clamoroso, invece, dalle parti della Rivoluzione francese: Marat viene trionfalmente riconosciuto dal T9, mentre il povero Robespierre mangia la polvere e non va oltre un misero “Rober”. Veniamo alla politica: clamorosa assenza del vecchio squatter di Downing Street, Tony Blair, che viene trasfigurato dal T9 in un poco dignitoso “albi”, mentre tiene duro la lady di ferro Margaret Thatcher, vecchia conoscenza dei minatori inglesi, oltre che del mio cellulare. Ci sono tutti, senza eccezioni, i Presidenti americani, così come tutti i Presidenti della Repubblica italiana tagliano trionfalmente il traguardo della notorietà dual band. Nell’ambito dei cattivoni, infine, clamoroso schiaffo morale: Saddam Hussein è presente con nome e cognome, mentre Bin Laden diventa un poco edificante “ciò laddo”.
Musica e spettacolo: Beatles e Rolling Stones entrano agevolmente nella hall of fame del T9, mentre il povero Hendrix si vede sbattere la porta in faccia e non va oltre un demenziale “generiz”. Nel mondo dell’arte, grande riscossa della “old school”: ammessi in scioltezza Picasso, Pollock, Max Ernst, De Chirico e Morandi, mentre Cattelan è ridotto a “cautelam” e persino Andy “capelli d’oro” Wahrol deve accontentarsi di un castrante “zairo”.
Potrei andare avanti per pagine e pagine, ma il concetto è chiaro: al giorno d’oggi, se non compari su dizionario T9, sei uno sfigato. Come quei due tipi, Hendrix e Metternich, che non se li fila più nessuno.

0 commenti: